Seguici su Instagram e sulla nostra pagina Facebook

SFC S. Martino di Bareggio Socio Aderente 2012

Ultimo aggiornamento (last update) 16 NOVEMBRE 2018

ore 23:00

Dove Siamo

via Novara 4, 20010 Bareggio (MI)

1984 - 2014: 30° ANNIVERSARIO

Orario di apertura

Venerdì: 21:15 - 23:15

Per informazioni

Principali Sostenitori

Questo sito è stato aperto il 10/11/2012

Lady Flame

Enzo Ferrari in compagnia della Sig.ra Fiamma Breschi

Dicembre 2014

Della vita di Enzo Ferrari si sa molto, soprattutto dal punto di vista imprenditoriale. Esiste però anche una particolare storia che sembra essere a metà strada fra il personale e il professionale, quella riguardante la fiorentina Fiamma Breschi. Nel 1953 fu la fidanzata di Luigi Musso, pilota della Scuderia Ferrari (una via di Maranello adiacente alla Fabbrica è intitolata a lui) e all’epoca la sua relazione con la giovanissima Fiamma scatenò grande clamore in quanto Musso lasciò la moglie da cui ebbe due figli. Sfortunatamente 5 anni dopo, precisamente nel 1958 Luigi Musso perse la vita sul circuito di Reims in Francia. Sotto shock Fiamma tentò di buttarsi dalla finestra dell’hotel francese in cui soggiornava ma la moglie di Juan Manuel Fangio ed altri presenti riuscirono ad evitare una seconda tragedia.

Fiamma con il suo fidanzato Luigi Musso, pilota Ferrari

Avvilito e sconfortato dal tragico evento Enzo Ferrari, il quale scrisse:”Con Musso scompare il bello stile italiano della guida”, non lasciò Fiamma Breschi nella totale solitudine, tanto che i due rafforzarono il loro rapporto di amicizia iniziato anni prima. Anzi, c’è chi vocifera che sia stata per anni l’amante di Enzo Ferrari, ma Fiamma nel suo libro “Il mio Ferrari” del 1999 smentisce tutto ciò. Spiega che con Enzo Ferrari aveva un grande rapporto di stima ed amicizia anche se Enzo si era invaghito di lei, tanto da chiederle di sposarlo fino al 1988 anno della sua morte. Ma al di la delle vicissitudini personali sembra che Fiamma Breschi abbia portato negli anni 60 e 70 una buona dose di gusto e personalità in Ferrari. Da quanto si apprende dal suo libro per molti anni lavorò in prima linea nella factory di Maranello. Curò l’immagine del Drake consigliandolo nell’abbigliamento, fece l’inviata durante i gran premi di Formula 1 dove seguiva personalmente la Scuderia facendo relazioni e riportando svariate informazioni. Inoltre Enzo Ferrari le chiese di rendere le proprie vetture più attraenti e confortevoli agli occhi del pubblico femminile. Fu così che grazie al contributo di Fiamma furono introdotti nuovi ed eleganti accessori atti a migliorare la vivibilità di bordo, nuove ed eleganti finiture sia interne che esterne e nuove tinte fra cui le famose bicolore che negli ultimi anni sono tornate in voga e che ora sono considerate molto vintage-chic. Partendo da questo presupposto, considerando che fra le clienti storiche delle vetture di Maranello si annoverano moltissime donne di cui molte appartenenti alla nobiltà, all’imprenditoria ed allo showbiz, fra cui una certa Marilyn, possiamo affermare che Fiamma diede ottimi consigli agli uomini del Cavallino. 

 

Flavio Paina