Seguici su Instagram e sulla nostra pagina Facebook

SFC S. Martino di Bareggio Socio Aderente 2012

Ultimo aggiornamento (last update) 30 LUGLIO 2018

ore 23:00

Dove Siamo

via Novara 4, 20010 Bareggio (MI)

1984 - 2014: 30° ANNIVERSARIO

Orario di apertura

Venerdì: 21:15 - 23:15

Per informazioni

Principali Sostenitori

Questo sito è stato aperto il 10/11/2012

ROMBANDO SUL LARIO: In Ferrari sul lago di Como

Sabato 25 e domenica 26 giugno 2011 tutti insieme a Dorio (Lc), all’insegna della vela, del mangiar sano e gita a uno strategico fortino Militare

Uno dei 4 cannoni del forte Montecchio Nord

Dodici Ferrari in gita al lago. Ventiquattro equipaggi a rombare sulle rive del versante lecchese del lago di Como.
Un totale di 35 appassionati (soci e non), in visita agli stabilimenti Moto Guzzi di Mandello del Lario sabato 25 dopo un viaggio estremamente travagliato.
Il lieve ritardo agli stabilimenti di Mandello però non ha influito sull’esito della visita, dove una volta parcheggiati i bolidi ed entrati, abbiamo potuto osservare l’interessantissima collezione di tutti i mostri sacri “Moto Guzzi” che hanno fatto onore all’Italia nelle competizioni. Interessante anche un modello semicingolato impiegato nella seconda guerra mondiale capace di arrampicarsi sui muri.
Una volta partiti e percorso con velocità turistica la splendida sponda lariana arriviamo a Dorio, per il check in al resort “Oasi dei Celti.” La sorpresa si leggeva sulle espressioni di tutti, anche sui volti degli amici svizzeri, i quali da Basilea hanno voluto onorarci della loro presenza, alla guida di una “Mondial t” e di una splendida “F430 spider.” Tutti noi infatti non alloggiavamo nelle solite camere, bensì in miniappartamenti vista lago, trattati come re, al punto che alcuni di noi non volevano proprio saperne di lasciare la quiete che il posto (con piscina tra l’altro) infondeva.
La sera, fuoco alle polveri, i dodici bolidi raggiungevano rumorosamente il ristorante “Il Crottino”, dove Roberto il dj ci ha allietato con un repertorio di bachata e canzoni anni novanta. Risultato? Nonostante lo stomaco fosse pieno delle sostanziose portate del ristorante, la maggior parte dei soci – le signore per lo più - si sono scatenate in danze da capogiro, alimentando lo stupore di tutti.
Al termine della cena raggiunto nuovamente il resort, il panorama lacustre impediva l’andare a dormire: “uno scenario fiabesco” tutto da vivere. Questo è il Lario.
La mattina dopo al Forte Montecchio Nord – un forte militare tuttora funzionante - le vetture, percorrendo un sentiero non propriamente curato, hanno raggiunto il piazzale immerso nel verde dell’installazione militare. Ancora una volta il rosso ha spiccato in uno spettro pieno di colori. Una volta scesi dalle vetture, due sapienti guide hanno saputo coinvolgere tutti noi a vivere un autentico “pezzo di storia”, accompagnandoci fin sotto gli anfratti di una fortificazione che, data la sua posizione strategica ha sparato esclusivamente per esercitazioni e per mettere in fuga i tedeschi solo una volta. Particolarmente d’impatto è stata la zona dei 4 cannoni navali con gittata di 14 km, dove il panorama spaziava dal lago di Como a quello di Novate Mezzola. Si diceva ai primi del ‘900 che essere trasferiti al Forte Montecchio per un militare equivaleva a essere in vacanza. Abbiamo capito il perché.
Se un’ora e mezza di visita guidata mette appetito, siamo stati pienamente rifocillati da Andrea, chef del suggestivo ristorante “MD DELL’ERA.” La sua immensa terrazza vista lago ci ha ospitati e come se fossimo stati –a detta di qualcuno- in un pranzo di matrimonio. Graditissimo il fatto che tutti i cibi erano rigorosamente naturali. Terminato il pasto luculliano il sindaco di Dorio insieme alla sua gentile consorte ci hanno accompagnato alla passeggiata in riva al lago fino a Corenno Plinio, una piccola Liguria sul lago, mentre alcuni di noi si riposavano ospitati dall’associazione nautica “Fuori di Vela.”
Quest’ultima ha messo a disposizione uno dei propri catamarani nel caso avessimo voluto navigare un po’; ma dopo il pranzo terminato nemmeno un’ora prima, solo uno ha deciso di sfidare Poseidone: Vincenzo, il papà del simpatico e bellissimo “Ciuffo.”
Per ricambiare la cortesia – e non solo, dato che per noi è sempre un piacere – recatoci nuovamente al piazzale ove sostavano le vetture e ringraziato lo staff di sorveglianza, sindaco e consorte e tutti i bambini di Dorio si sono guadagnati un giro in Ferrari come ringraziamento per la splendida giornata che hanno saputo donarci. Il Comune di Lecco sarà sicuramente orgoglioso di annoverare fra le sue province un tanto piccolo quanto ospitale paese, semplice e ridente come Dorio.

                                                                                                          …Mauro Modena…